Home » Senza categoria » Siate “lean” e “smart”!

Siate “lean” e “smart”!

Domanda: “Ma innovare il mio modo di lavorare quanto mi costa?”.

Domanda corretta. Ogni cambiamento ha un costo, ogni azione richiede energia. Come agire in un periodo in cui di soldi ne girano pochi? Ci sono dei “trucchetti” per agire in modo efficace ma soprattutto efficiente.

Per questo vi voglio parlare dell’agire in modo “lean” e “smart”. Se acquisirete queste due metodiche vedrete che le cose cambieranno, senza per questo dover spendere chissà quanti soldi, anzi ci guadagnerete.

Si tratta di due linee di pensiero, delle vere e proprie filosofie di gestione aziendale, che nascono in grandi contesti internazionali, ma che a ben sezionarle altro non sono che modi di agire dettati dal buon senso e per questo applicabili in tutti i contesti.

1176250_10151674976538460_414790343_n

Agire in modo “lean” significa eliminare da ciò che fate tutto quello che non ha valore. Valore per chi? Per te che sei un imprenditore? No! Ricordatevi che il concetto di valore deve essere applicato solo a ciò che viene riconosciuto come tale dal tuo cliente.

Se nei vostri processi aziendali ci sono attività che non portano a conseguire maggior valore ai vostri prodotti e servizi dovete eliminarle. Altrimenti sovraccaricherete i vostri prodotti e servizi con costi che non riuscirete a “ribaltare” sul prezzo di vendita. Il cliente non sarà disponibile a pagare quel prezzo.

Concedetevi del tempo per ripensare al vostro modello di business. Sezionatelo pezzo pezzo. Analizzatelo chiedendovi se tutto ciò che fate è indispensabile. Se il cliente riconosce il valore di quell’attività specifica, e quindi se è disposto a pagarne il prezzo. Altrimenti “zac” … e avrete ottenuto un risparmio e quei soldi, se lo riterrete opportuno, li potrete indirizzare verso altre attività che vi renderanno più produttivi o più presenti sul mercato acquisendo nuovi clienti.

Attenzione! Non è un processo di mero “cost cutting”, di taglio dei costi e niente più. Ciò che vi deve guidare è il principio del “valore per il cliente”. Semplici (non è vero che sono semplici) interventi di cost cutting, se non correttamente indirizzati, possono minare le fondamenta della vostra azienda.

Passiamo ora al concetto di “smart”. Occorre essere intelligenti nel fare ciò che fate. Solo che molto spesso l’intelligenza nel business la si manda in vacanza e la soppianta con l’essere abitudinari.

Vi faccio subito qualche esempio. Voi sapete quanto vi costa acquisire un nuovo cliente? Avete mai misurato l’efficacia delle vostre campagne di marketing in modo analitico e non con lo “spannometro” (detto altrimenti “andare a spanne” nel misurare i risultati che conseguite).

Se i soldi che spendete per pubblicità e promozione non vi fanno acquisire nuovi clienti (e supponendo che non abbiate “problemi” d’altro tipo nella gestione della vostra azienda) è inutile che ritentiate e ritentiate a fare le cose allo stesso modo. Allora, mi direte, che devo fare? Occorre eliminare il marketing?

No! Sarebbe come preparare già oggi il fallimento della vostra azienda. Dovete ripensare i vostri strumenti di promozione e comunicazione. I modi per farsi conoscere sono ormai tantissimi. Dovete trovare quelli che sono più adatti per voi.

Non dovrete spendere altri soldi. Dovete sostituire una spesa improduttiva con una reale opportunità di maggior guadagno.

La vostra logistica e canali di distribuzione non sono efficaci ed efficienti? Cambiateli.

Vi servite di corrieri che consegnano merce ordinata dal cliente con ritardi da esodo biblico? Cambiateli.

C’è un’azienda negli USA che in questo settore è un caso di scuola a livello mondiale, diventando in virtù delle scelte che ha fatto un colosso. Sapete come? Assicurando al cliente qualità, livelli di servizio eccezionali e soprattutto una incredibile rapidità nella consegna dei prodotti. Il nome è Zappos, partendo da zero nel giro di 10 anni fattura ormai quasi un miliardo di dollari.

Scegliervi i migliori partner vi costerà sicuramente meno che continuare a servivi di quelli sbagliati, rimanendo “fregati” dalla paura di cambiare, di rompere con le abitudini.

Esempi di uso “intelligente” di risorse che già spendete ce ne possono essere tanti. Visto? Solo regole di buon senso.

Iniziate a pensarci su! Iniziate a pensare in modo lean & smart.

Massimo Negro

Consulente di Direzione Aziendale
Business Coach

Leave a Comment

Switch to our mobile site